immagine-preview

Lug 23, 2018

Ferrari, cambio ai vertici: Elkann presidente e Camilleri CEO

Le gravissime condizioni di salute di Sergio Marchionne hanno imposto un cambio improvviso ed immediato ai vertici della Scuderia di Maranello

Sono giorni concitati nel mondo Ferrari e di FCA. Non ci sono informazioni ufficiali e definitive quali siano le condizioni di salute di Sergio Marchionne, anche se dai vari indizi lasciati  trapelare non sembra esserci molta speranza per una sua guarigione. Tanto che Wikipedia ne riporta la data del decesso ad oggi (23 luglio 2018).

La situazione

Marchionne è ricoverato (da oltre tre settimane) alla clinica universitaria di Zurigo, l’Universitätsspital, a seguito di un intervento alla spalla destra. Dietro, però, c’è qualcosa di molto più grave: tanto che John Elkann ha inviato una lettera a tutti i dipendenti FCA in seguito al cambio al vertice del gruppo affermando che “Sergio non tornerà più”. Il silenzio da parte della famiglia dell’ex AD Ferrari non si rompe, ma si parla di condizioni irreversibili. Per questo, con una riunione straordinaria del consiglio di amministrazione, è stato accelerato il processo di uscita del manager italo-canadese dall’azienda. John Elkann è il nuovo presidente Ferrari, mentre Louis Carey Camilleri, già membro del consiglio d’amministrazione della Ferrari ed ex presidente di Phillip Morris International, è il nuovo CEO.

Il personaggio

Ma chi è Louis Camilleri? Cerchiamo di conoscere meglio il nuovo ad della Scuderia di Maranello.
Il manager ha 63 anni ed è nato ad Alessandria d’Egitto. Faceva parte già da qualche anno del board Ferrari, ma è noto soprattutto perché nel 1978 è entrato in Philip Morris scalando in poco tempo i vertici fino a diventarne presidente (fino al 2014). Ha studiato economia e business in Inghilterra e in Svizzera (si è laureato a Losanna) e ha poi lavorato con WR Grace and Company come analista di business. Nel 1995 è diventato presidente e amministratore delegato di Kfraft Foods, sempre legata a Philip Morris.

Una carriera nel silenzio

Camilleri è sicuramente un uomo di altissimo profilo internazionale. Riconosciuto nel mondo degli affari come il tycoon del tabacco e con un patrimonio da più di 150 milioni di sterline è tra i CEO più pagati d’America. Vanta uno stipendio di 9,7 milioni di dollari. Negli anni non si è mai fatto notare dai media con interviste o colpi di scena. Ha sempre mantenuto un basso profilo: ma chi lo ha conosciuto ne parla come di persona “brillante” e “grande mente finanziaria”. Padre di tre figli e divorziato dal 2004, negli ultimi tempi di è sentito parlare di Camilleri per una probabile relazione con la super modella Naomi Campbell. Una cosa è certa: d’ora in poi sarà impossibile mantenere il basso profilo.

 

Il nuovo ruolo di John Elkan è una naturale evoluzione: da vicepresidente a presidente, prende il suo posto naturale in Ferrari. Il posto che spetta al nipote dell’avvocato Gianni Agnelli.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter