immagine-preview

Set 6, 2018

Che cos’è la Nations League, il nuovo torneo Uefa con 55 nazionali

Si parte con la "classica" Francia-Germania, mentre l'Italia sfiderà Polonia e Portogallo. In palio soldi e qualificazioni all'Europeo 2020

Il fischio di inizio è fissato per oggi con la partita Francia-Germania che inaugurerà la Nations League, il nuovo torneo tra le nazionali che durerà fino a giugno 2019. Sui campi saranno impegnate 55 squadre in questa sorta di pre-Europeo allargato targato Uefa. L’organo che controlla il calcio del vecchio continente è l’ideatore di un torneo che mette in soffitta le amichevoli, giudicate meno attraenti per pubblico e affari. Il debutto dell’Italia è allo stadio Dall’Ara di Bologna contro la Polonia venerdì 7 settembre alle 20:45.

Le nazionali che competono nella Nations League hanno però molto di più del montepremi complessivo di oltre 76,25 milioni di euro come motivo di incoraggiamento. Se è vero che la squadra vincitrice si potrà aggiudicare nel giugno del prossimo anno fino a 7,5 milioni di euro, in palio la Nations League mette anche alcune qualificazioni all’Europeo 2020. Le qualificazioni per quest’ultimo restano comunque in programma e inizieranno a marzo 2019: l’idea della Uefa è di una Nations League come rete di salvataggio in caso di mancata qualificazione con il metodo tradizionale.

 

 

Come funziona la Nations League?

 

Le 55 nazionali sono divise in quattro Leghe in base al coefficiente Uefa; ogni Lega a sua volta è suddivisa in fasce, tre per la Lega A e la Lega B, quattro per Lega C e Lega D; ogni fascia infine raggruppa tre nazionali ciascuna (l’Italia giocherà contro Polonia e Portogallo). L’obiettivo dichiarato della torneo  Nations League è quello di proporre match spettacolari, dando poi la possibilità alle squadre di seconda fascia di accedere all’Europeo visto che la vincitrice di ciascuna Lega avrà già il posto assicurato.

 

Leggi anche: League of Legends: un team e-sport ha raccolto 37 milioni di finanziamenti

 

La squadra che vincerà il girone di ogni Lega andrà alla Final Four che si disputerà in un paese ancora non stabilito (l’Italia è però candidata). Le nazionali arrivate ultime nella loro fascia disputeranno la prossima edizione della Nations League nel 2023 giocando nella Lega inferiore. Ma parlavamo del montepremi: 76,25 milioni di euro complessivi da distribuire ai vincitori. Il primo come detto, tra vittorie e bonus, potrà incassare fino a 7,5 milioni di euro. Spiccioli, se consideriamo che la Uefa Champions League distribuisce oltre un miliardo di euro in premi. Distribuire premi così suddivisi sarebbe però stata l’unica soluzione per la Uefa per convincere le singole federazioni a partecipare. Chiudendo così il capitolo (anche economico) delle amichevoli.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter