immagine-preview

Set 27, 2018

L’app HomeCourt utilizza l’AR per migliorare i tiri nel basket

La tecnologia sfrutta l'intelligenza artificiale ed è in grado di registrare l'angolo e l'altezza del rilascio di ogni tiro. Diversi college la utilizzano negli allenamenti

Si chiama HomeCourt ed è l’app creata da ex ingegneri di Apple, Google e Facebook che vuole aiutare i giocatori di basket a migliorare il proprio tiro semplicemente usando uno smartphone. La tecnologia AR integrata nell’iPhone, incluso il nuovo chip Bionic A12, e la tecnologia di intelligenza artificiale sviluppata dal Team Nex di HomeCourt, sono in grado di rilevare la posizione del canestro e il movimento del pallone rilevandone la meccanica, la traiettoria, i tempi di rilascio e il numero di tiri andati a segno.

A sostenere HomeCourt ci sono Steve Nash (ex giocatore NBA) e Mark Cuban (Owner dei Dallas Mavericks) che hanno creduto e investito nella startup. Tra i college invece che utilizzano l’app nei propri piani di allenamento dei propri atleti ci sono tra le altre: Duke, Stanford, Florida.

Leggi anche: We Playground Together, Danilo Gallinari regala un campo da basket alla sua Milano

Come funziona HomeCourt

 

L’idea dell’app è semplice: prendi un treppiede per il tuo telefono, posizionalo per registrare il tuo allenamento individuale e lascia che l’app fornisca tutti i tipi di dati, come l’angolo e l’altezza del rilascio di ogni tuo tiro. Oltre a tracciare la precisione del tiro, otterrai statistiche più elaborate e la mappa dei tiri realizzati.

“HomeCourt dà ai giocatori un feedback immediato per aiutarli a capire se stanno tenendo la forma giusta dei loro tiri”, ha detto Nash. “Il tempo di rilascio è un grande indicatore del fatto che il giocatore stia tirando alla velocità reale di gioco. Senza HomeCourt e la sua tecnologia, questi dati in tempo reale non erano a disposizione dei giocatori.”

L’app permette anche di registrare foto e video dei propri tiri, permettendo così al giocatore di rivedersi e correggere così la propria tecnica di tiro. Da segnalare anche la funzione Challange per competere con i giocatori da tutto il mondo oppure Game per sfidare al tiro i propri amici. L’ultimo aggiornamento dell’app ha dell’incredibile, permettendo infatti all’utente di fare addirittura a meno del treppiede, sarà infatti sufficiente appoggiare lo smart phone sul pavimento, puntarlo verso il canestro e a tutto il resto ci penserà HomeCourt.

 

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter