Noisefeed, una finestra su quel che si dice nel mondo del calcio - SportUp <
page-article-thron.php
In collaborazione con Logo Content By
In collaborazione con Logo Content By

Feb 5, 2020

Noisefeed, una finestra su quel che si dice nel mondo del calcio

In pochi mesi è diventato uno strumento indispensabile per gestire le relazioni con media e pubblico dentro e fuori dal campo. È già sbarcato all'estero, ma ora punta ad affermarsi come numero 1 in tutto il mondo

Feb 5, 2020

Noisefeed, una finestra su quel che si dice nel mondo del calcio

In pochi mesi è diventato uno strumento indispensabile per gestire le relazioni con media e pubblico dentro e fuori dal campo. È già sbarcato all'estero, ma ora punta ad affermarsi come numero 1 in tutto il mondo

Monitoraggio dei social media, notizie in tempo reale, studio, profilazione e analisi di ogni player, statistiche dettagliate e sempre aggiornate: la piattaforma Noisefeed è nata due anni fa come un’ambiziosa scommessa e oggi è diventata una splendida, attiva e soprattutto utilissima realtà, per tutto quel mondo che orbita intorno allo sport e, in particolare, intorno all’ambiente calcio.

 

Fondata nel 2017 da Nicolò Cavallo con sede a Chiavari, Noisefeed rappresenta oggi il principale software di Social Context Monitoring verticale per l’industria del calcio professionistico e può vantare numeri di tutto rispetto: a partire dai trecentomila profili unici inseriti all’interno del database, grazie ai quali è possibile non solo controllare, ma anche studiare i giocatori e la industry in generale oltre a condividere news, post e statistiche sul calcio internazionale.

Il “credo” di Noisefeed

Una piattaforma che è diventata uno strumento sempre più richiesto non solo dalle società di calcio, ma anche da tutti i professionisti del settore: direttori sportivi, scout, agenti e media. In un periodo storico in cui l’immagine è tutto, e l’immagine sul Web lo è in particolar modo, ecco che Noisefeed risulta fondamentale: uno strumento insostituibile nel processo di valutazione di un calciatore professionista, accanto a quelle piattaforme che consentono invece di valutare e “pesare” le prestazioni sportive.

 

“Siamo un po’ il completamento di Wyscout – spiega Nicolò Cavallo – Loro sono il database principale per quanto riguarda le performance dei calciatori, noi ci occupiamo di tutto il resto, a cominciare dalla reputazione degli atleti: che cosa scrivono, che cosa pubblicano sui social, ma anche che cosa si dice di loro”.

Come tante startup, e non solo legate all’ambiente sportivo, anche Noisefeed nasce con l’intento di colmare una lacuna, di riempire un vuoto, di andare incontro a una necessità: “L’idea ce l’avevo in testa da un po’ – racconta Cavallo – e ne avevo parlato sia con Wyscout che con Wylab, riscontrando sin da subito molto interesse. A supporto dello sviluppo tecnologico è stata coinvolta Appfactory, società di cui ero partner come fondatore. Parlando con il presidente di un club di serie A, mi sono reso conto, insieme a lui, che c’erano grandissimi problemi nella gestione dei social network, non tanto quelli ufficiali bensì quelli dei singoli calciatori: era inoltre complicato trovare uno strumento che convogliasse tutte le news in un’unica piattaforma aggiornando l’utente in tempo reale. Questo, a lungo andare, poteva creare criticità per il club, criticità tra i compagni, questioni a livello di immagine, di PR e di sponsorship.

 

Il lavoro sulla reputazione degli atleti

Noisefeed non vuole spiare i social network, come ha detto qualcuno impropriamente. La piattaforma è concepita con l’obiettivo di fondo di supportare gli agenti e i club nel proteggere e monitorare la reputazione dei giocatori e, al tempo stesso, aiutare chi deve prendere le decisioni a basarsi su dati, notizie e statistiche certe, e non solamente su ipotesi. “Sia Wyscout che Wylab – prosegue il fondatore di Noisefeed – sono entrati nella compagine societaria. Oggi Noisefeed conta oltre trecentomila profili unici e, attraverso un’iscrizione e il pagamento di un abbonamento, è utilizzabile sia su Web che su app per smartphone e tablet. Siamo un punto di riferimento, per valutare l’aspetto valoriale e reputazionale dei giocatori, e oggi abbiamo come clienti il 65% dei club di serie A e il 40% dei club di serie B. Inoltre, siamo presenti in Inghilterra, Portogallo, Messico e Spagna, grazie ad accordi con prestigiosi Club e Leghe”.

Come funziona la piattaforma

Il team di Noisefeed comprende sei persone nello staff e un team di sviluppatori esterni. Dalla nascita nel 2017, alla fase di test nel 2018, sino al lancio nel 2019, di strada ne è stata fatta moltissima. Ma come si presenta, operativamente, la piattaforma?

“Per ogni giocatore, c’è una suddivisione in due parti – spiega sempre Cavallo – Da un lato c’è quello che dice o posta un giocatore, insieme a quello che dicono o postano le persone a lui vicine; dall’altro, c’è tutta la parte di notizie che riguardano i singoli giocatori, e che l’algoritmo di Noisefeed va a pescare da migliaia di fonti verificate, sia nazionali che internazionali. Così, selezionando un atleta si può avere, nello stesso ambiente, la rappresentazione in tempo reale di quello che sta dicendo, o di quello che si sta dicendo su di lui”.

 

Per il futuro prossimo ci si muove in due direzioni: “Da una parte il nostro primo aumento di capitale con partner strategici, che si chiuderà nelle prossime settimane. Dall’altra, un corposo investimento sull’internazionalizzazione della società, soprattutto dal punto di vista commerciale. Contemporaneamente, siamo sempre al lavoro per migliorare la tecnologia e per fornire sempre un servizio qualitativamente elevatissimo”. Gli ingredienti per diventare un punto di riferimento del mondo del calcio ci sono tutti: adesso bisogna solo vincere le prossime sfide.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter