Coronavirus, gli e-sport corrono per fare beneficienza
single.php

Ultimo aggiornamento il 13 marzo 2020 alle 15:02

Coronavirus, gli e-sport corrono per fare beneficienza

Lunedì 16 parte "AK Charity Challenge": tanto divertimento e una raccolta a sostegno dell'Ospedale di Bergamo

Lo sport si è già fermato, dalla Seria A fino alla Champions, dal tennis fino alla Formula 1. In questi giorni di smarrimento e paura dovuti all’emergenza coronavirus il mondo degli e-sport si sta attivando per dare il proprio contributo sia alle raccolte fondi per sostenere gli ospedali, sia per far sì che le persone aderiscano alla campagna #iorestoacasa. AK Informatica ha in programma per lunedì 16 marzo la ‘AK Charity Challenge’, una competizione per piloti virtuali ai quali si chiederanno due cose: guidare – perché il divertimento è assicurato – e donare fondi da destinare all’ospedale ASST Papa Giovanni XXIII di Bergamo, uno di quelli più colpiti dalla pandemia in corso, con una terapia intensiva in una situazione ancora critica.

Leggi anche: Coronavirus, salta la trasferta e i tifosi dell’Atalanta donano il rimborso all’ospedale

E-sport “in campo”

Partecipare è molto semplice: basterà collegarsi al sito ufficiale della competizione e seguire le istruzioni. Tutti potranno donare anche senza partecipare: i ricavi in denaro saranno indirizzati all’ospedale ASST Papa Giovanni XXIII. In palio per chi sarà più bravo a correre l’organizzazione ha riservato premi, tra cui un computer offerto da Ak Informatica e molto altro. La ‘AK Charity Challenge’ è stata promossa da The Gaming Boss ASD con il patrocinio dell’Ente di Promozione Sportiva ASI tramite il Settore GEC (Giochi Elettronici Competitivi), l’organizzazione italiana che si occupa di sport elettronici.

Leggi anche: Lucca Comics, iniziative casalinghe e di solidarietà contro il Coronavirus

Il mondo videoludico e non solo si sta muovendo in questi giorni per partecipare sia alle tantissime raccolte di beneficienza, sia alla campagna #iorestoacasa, dando più di un valido motivo per non annoiarsi e dedicare tempo allo svago e al divertimento. Tra poche ore, ad esempio, partirà la Quarantine Jam, una maratona per sviluppare videogiochi.

Leggi anche: Disneyland Parigi verso la chiusura. Seguirà il parco USA

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche