L'editoria si butta nel gaming. Al Gruppo Amodei il 51% di PG Esports
single.php

Ultimo aggiornamento il 17 Dicembre 2020 alle 13:15

L’editoria si butta nel gaming. Al Gruppo Amodei il 51% di PG Esports

A StartupItalia l'ad Parnofiello aveva detto: «Ci saranno più fan negli esport che negli sport tradizionali»

Il Gruppo Amodei, editore attivo nell’ambito sportivo con i quotidiani Corriere dello Sport-Stadio e Tuttosport, ha annunciato l’acquisizione da Fandango Club del 51% di PG Esports, realtà italiana leader nel mondo gaming. «Siamo editori da sempre, ma siamo soprattutto appassionati di sport in tutte le sue forme. Gli esport rappresentano una realtà in crescita che merita rispetto e attenzione», ha spiegato Roberto Amodei, alla guida del gruppo. Su StartupItalia ci eravamo già occupati di PG Esports, intervistando lo scorso anno l’amministratore delegato Pierluigi Parnofiello, che resterà comunque alla guida dell’azienda. «Presto – la sua previsione nell’ottobre 2019 – ci saranno più fan negli e-sport che negli sport tradizionali: è solo questione di tempo. Dopotutto il settore dei videogiochi vale già più di cinema e musica messi insieme».

Leggi anche: Viaggio negli e-sport, lo spettacolo appassionerà più del calcio

PG Esports: numeri in crescita

L’annuncio dell’acquisizione di PG Esports da parte di un editore costituisce una novità per il panorama gaming italiano. Di fronte alla crisi della stampa, investire sul digitale in tutte le sue forme può essere una soluzione per intercettare i nuovi gusti del pubblico, soprattutto giovane. Stando ai numeri di IIDEA, la Confindustria del videogioco italiano, sono in continuo aumento gli appassionati di esport e di videogiochi anche nel nostro paese. In Italia sono 1,4 milioni e il tasso di crescita annuo è del 22%.

Leggi anche: Cosa c’è stasera su Twitch? Sempre più streaming e contenuti

© Foto: Facebook Dive Esports

Grazie all’unione con un partner come Gruppo Amodei, PG Esports – il suo canale Twitch conta 130mila follower, 15 milioni di visualizzazioni ottenute nel 2020 e un record di 25mila spettatori collegati in contemporanea in una trasmissione Twitch – punta ad affermarsi ancora di più nel mercato italiano, espandendosi anche in contesti internazionali. «L’intesa tra il Gruppo Amodei e PG Esports – ha spiegato Pier Luigi Parnofiello – ha l’obiettivo di far crescere l’ecosistema italiano degli esport in tutti i suoi aspetti, dall’ampliamento della base fan e del numero di campionati attivi all’estensione qualitativa e quantitativa di tutta la filiera del comparto attraverso lo sviluppo di programmi di gaming in grado di coinvolgere giocatori di ogni livello competitivo e offrendo al pubblico un palinsesto di eventi dal vivo, tornei online e attivazioni in loco in grado di far vivere un’atmosfera immersiva unica».

Leggi anche: La pensione? Mi godrò i videogiochi. In Giappone il primo centro anziani (gamer)

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche